La kinesiologia applicata è una disciplina, basata sulla lettura del linguaggio del corpo, che offre possibilità di valutazione e intervento sugli squilibri presenti nella persona, a livello strutturale, biochimico e mentale.

 

Tecnica recente, è stata sviluppata, a partire dal 1964, dal medico statunitense George Goodheart che scopri che talvolta i muscoli risultavano deboli al tatto senza che fossero presenti atrofie o altre cause di debolezza. Seguendo quell'intuizione, la kinesiologia applicata si sviluppò velocemente e diffusamente come metodo di valutazione delle funzionalità corporee unico ed efficace.

 

Si basa sul principio, come disse lo stesso Goodheart, che "il corpo non mente mai". A un livello molto al di sotto della coscienza, il corpo “sa” e attraverso la risposta muscolare, il corpo segnala ciò che è percepito come positivo e negativo.

E' importante considerare che il corpo non risponde solo per situazioni fisiche ma anche per quelle emozionali e mentali. Le risposte ai test di kinesiologia riflettono la capacità dell'organismo umano di distinguere non solo gli stimoli positivi da quelli negativi ma anche quelli anabolici (favorevoli alla vita) da quelli catabolici (sfavorevoli alla vita) e (può sembrare incredibile) persino il vero dal falso.

 

La kinesiologia applicata rivela lo stretto collegamento tra la mente e il corpo, svelando come la mente “pensa” insieme al corpo.

I muscoli si indeboliscono istantaneamente quando il corpo è esposto a uno stimolo dannoso. Non solo, i muscoli si indeboliscono istantaneamente in risposta a atteggiamento emozionale non salutare o a stress mentali.

Elemento importante nell'utilizzo della kinesiologia applicata è il collegamento tra ogni muscolo e gli organi del corpo. La risposta di un muscolo è quindi collegata alla situazione di benessere dello specifico organo corrispondente.Inoltre, ogni muscolo è associato a un meridiano di agopuntura, permettendo così di individuare ed intervenire sui disequilibri coi criteri e le conoscenze consolidate nella Medicina Tradizionale Cinese.

 

Coerentemente con la visione della Naturopatia, la kinesiologia applicata offre un importantissimo aspetto preventivo ed educativo. Tra gli obbiettivi della kinesiologia c'è quello di rendere consapevole la persona affinché possa intervenire su abitudini alimentari, stili di vita e approcci relazionali che possono essere all'origine del disagio e del disequilibrio organico.

La kinesiologia applicata si rivela quindi una tecnica naturale completa ed efficace per il benessere.

 

Ecco alcune situazioni dove la kinesiologia applicata è di aiuto:

  • Bisogno di cambiare il proprio schema corporeo (cioè come mi percepisco): non accettazione di sé, importante calo o aumento di peso, anoressia, ecc.
  • Difficoltà con alimenti e sostanze con reazioni dell'organismo.
  • Necessità di incontrare il proprio corpo, di entrare in contatto con le proprie emozioni.
  • Funzionalità e collegamento degli emisferi cerebrali (alcuni sintomi: cadere addormentati quando si legge, dover rileggere spesso parole o frasi, memoria corta per nomi o fisionomie, stanchezza alla lettura, trasposizione di lettere nella scrittura).
  • Dislessia, deambulazione scoordinata, o attitudine scomposta durante la corsa.
  • Bisogno di lasciare andare.
  • Menopausa, meglio se nelle fasi precedenti e iniziali.
  • In una fase di cambiamento. Quando si vive una stagione “critica”.
  • Quando si ha necessità di cambiare ritmo, sia troppo che troppo poco.
  • Prima di fare prestazioni sportive.
  • Prima di un intervento chirurgico o di un evento importante.
  • Cicatrici, tatuaggi, protesi, o altro che il corpo deve fare propri.
  • Qualsiasi situazione in cui ci si ferma.

Contattaci per un ciclo di trattamenti di kinesiologia applicata.